Come’ ascolto deliberato ‘ costruisce legami tra manager e lavoratori

La trasformazione digitale del posto di lavoro ha creato maggiori opportunità per nuove forme di organizzazione del lavoro: lavoro remoto, ibrido, distribuito e flessibile.

Mentre le riunioni di persona creano opportunità di conversazione, i dipendenti delle riunioni online tendono a scendere immediatamente alla fine della riunione e tornare al loro lavoro in una frazione di secondo.

Fisicamente, potremmo non lavorare più nello stesso ufficio, avere conversazioni corridoio o prendere un pranzo veloce o un caffè insieme. Le conversazioni spontanee che si verificano in un ambiente fisico condiviso richiede attenzione deliberata con il lavoro a distanza.

Anche prima della pandemia, la ricerca ha dimostrato che i lavoratori remoti si sentono lasciati fuori e sono meno impegnati con il loro lavoro.

PUBBLICITÀ
Si preoccupano che i colleghi parlino alle loro spalle o che il loro lavoro sia considerato una priorità inferiore agli occhi dei loro supervisori. È più difficile interpretare i gesti del corpo e le espressioni facciali attraverso lo schermo di un computer; la mancanza di cenni informali ma fisici di approvazione nell’ambiente tradizionale può anche lasciare che la nostra negatività prenda il sopravvento e la paranoia ostacoli la produttività.

Queste esperienze hanno un impatto sul senso dei dipendenti di una realtà condivisa-i punti in comune percepiti con altre persone quando si tratta di sentimenti, credenze e preoccupazioni per il mondo. Come ricercatori sull’ascolto, forniamo alcune prospettive per i manager per costruire questa realtà condivisa attraverso ciò che chiamiamo ascolto deliberato.

Ecco tre pratiche per deliberare l’ascolto:

Ascolta i confini del ponte
L’idea di realtà condivisa nasce dal nostro fondamentale bisogno di legare con le altre persone e di comprendere il mondo che ci circonda. Comunichiamo per condividere le nostre realtà, che costituiscono anche la base dei nostri pensieri.

L’ascolto costruisce ponti tra esperienze e prospettive diverse. Colleghi e dipendenti possono esitare a condividere le loro lotte a casa o il loro conflitto con i colleghi se non richiesto. Spesso parlano solo di queste esperienze attraverso l’ascolto deliberato.

I manager possono impegnarsi in un ascolto deliberato per riconoscere le differenze, ridurre la difensiva e colmare le lacune tra “noi e loro.”I dipendenti possono esprimersi in modo più completo, espandere il loro pensiero e correggere generalizzazioni difettose.

Domande volte ad ascoltare — come ad esempio un semplice come ” Come vanno le cose a casa?”o” Cosa hai in mente?”- può colmare queste lacune e le barriere invisibili create dalla distanza.

Ascolta affermare
Condividere i nostri pensieri interiori rafforza le nostre connessioni sociali. Le persone tendono a sentirsi più connesse se hanno la stessa interpretazione degli eventi. Lo psicologo e ricercatore americano E. Tory Higgins ha introdotto l’idea che “condividere è credere” — le persone non solo modificano ciò che dicono per adattarsi all’atteggiamento del loro partner di comunicazione, ma ricordano anche successivamente le osservazioni che condividono.

Per ascoltare bene, i manager possono utilizzare strumenti esterni, come prendere appunti, per aiutarli. Larry Bossidy, l’ex CEO di Honeywell, ha usato la tecnica di dividere un foglio di carta e scarabocchiare note di ciò che ha sentito da un lato e i suoi pensieri sulla questione dall’altro.

Gli ascoltatori possono anche modificare intenzionalmente toni e descrizioni per allinearsi con l’atteggiamento del loro partner di conversazione. Frasi come” Mi sento allo stesso modo ” e gesti come i cenni costruiscono una relazione di comunicazione bidirezionale in cui i partner di interazione si basano su credenze comuni e si sentono più vicini l’uno all’altro.

Risultati di ascolto di successo in persone sensazione hanno cliccato e alimenta il desiderio di mantenere questa stretta relazione. Questo sentimento può estendersi ad altri colleghi e quindi creare un senso di coesione sul lavoro.

Ascolta sfida
Quando gli altri rivelano emozioni negative, il semplice ascolto come supporto offre un aiuto minimo e può effettivamente perpetuare la situazione frustrante.

Se l’ascoltatore convalida la negatività, l’oratore può covare immergendosi nella negatività e riproducendo la reazione avversa. La ricetta magica per l’ascolto costruttivo è l’attenzione più un po ‘ di illuminazione.

Le risposte che sfidano delicatamente la validità dei sentimenti della persona lesa o la loro valutazione di un problema percepito sono più efficaci per mitigare la negatività. Un tale approccio può motivare le persone a rivalutare la loro reazione iniziale al problema e riposizionarsi, cognitivamente ed emotivamente.

L’ascolto costruisce la realtà condivisa
Ascoltare gli altri è spesso sottovalutato come solo accettazione passiva. Ma l ” ascolto efficace come persone rivelano i dettagli di entrambe le loro vite professionali e personali, comprese le difficoltà e le emozioni che influenzano il posto di lavoro, prende dedizione e competenze.

L’ascolto non è passivo. Crea una realtà condivisa, cruciale per la comprensione, la collaborazione e l’azione.

Collegando, affermando e sfidando, gli ascoltatori possono costruire un senso condiviso di appartenenza e comprensione che modellano le realtà del nostro lavoro e del mondo che ci circonda. Questo indipendentemente dal fatto che lavoriamo in un ufficio fisico o online.

Questo articolo è ripubblicato dalla conversazione sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *